Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for febbraio 2008


Fonte: Casertasette 

reggia“Con un decreto legge blitz un ministro in prorogatio come Rutelli sta tentando di far passare una riorganizzazione delle Soprintendenze che penalizza Caserta e il resto della Campania. Ci opporremo duramente a questo disegno perché dispendioso e assolutamente non funzionale alla tutela e alla promozione dei nostri beni culturali e monumentali”. Lo afferma il coordinatore regionale di Forza Italia, Nicola Cosentino. “Stando a questo decreto, come denuncia giustamente la Cisl provinciale di Caserta, si vuole trasformare la stessa Reggia in monumento … Continua

Annunci

Read Full Post »


immagine_620_1202141928.jpg

Sarà una delle opere più spettacolari dell’architettura contemporanea e il fulcro del nuovo Centro Congressi di Roma. La “Nuvola” di Massimiliano Fuksas, sorgerà su un’area di circa 27 mila metri quadrati, di proprietà di Eur Spa, nel cuore del quartiere Eur.
Dopo alcuni problemi di carattere amministrativo che ne avevano messo a rischio la realizzazione ora la Nuvola ha ripreso a volare e, salvo imprevisti, verrà inaugurata nel 2010. Una piccola nuvola per entrare, non solo virtualmente, nel grandioso Nuovo Centro Congressi ideato dall’architetto Massimiliano Fuksas.
La struttura sarà costituita da una membrana di materiale innovativo che ‘galleggerà’ in una teca di acciaio e vetro alta 39 metri, larga 75 e lunga 198, e sarà destinata a coprire il forum di collegamento orizzontale dei vari spazi congressuali e a unire il tutto con l’auditorium.
La struttura si presenta come un grande contenitore traslucido, sui cui lati trasversali si sviluppano due piazze aperte al quartiere e alla città: una di esse dialoga direttamente con il quartiere e si potrà percorrere da viale Europa a viale Shakespeare; la seconda, spazio modulabile a piacere con strutture mobili, accoglierà e veicolerà i convegnisti nelle varie sale del centro.
All’interno dell’involucro, una struttura in acciaio e teflon costituisce la vera e propria ‘nuvola’: una superficie di 10.000 metri quadri sulla quale si svilupperà un auditorium e verranno distribuite sale riunioni. Il Centro, inoltre, sarà dotato di caffé, ristoranti, spazi per i foyer, per uno spazio complessivo di 15.000 metri quadri. Massimiliano Fuksas torna dunque in Italia, e proprio nella sua città, con un progetto di ampio respiro destinato a lasciare un segno importante nella Capitale. Una Roma che, dopo l’Auditorium di Renzo Piano, i progetti di Zaha Adid, quelli di Odile Decq e di tanti altri, torna ad essere uno dei punti di riferimento, nel panorama architettonico internazionale.  

“Bartolomeo Fiorillo Architetto”

Read Full Post »


Seguendo un po’ quanto riportato dalla stampa, le varie trasmissioni ed inchieste, la miriade di informazioni che circolano sul web, ho tratto le mie conclusioni circa il problema rifiuti in Campania. Ho osservato che la stampa ufficiale, come anche le istituzioni tendono a mostrarci, quale unica soluzione al problema, quella dell’incenerimento come se il problema centrale fosse quello prodotto dai rifiuti Solidi Urbani.

Voglio invece partire da un preciso inquadramento del problema.

 

Innanzitutto va messo subito in chiaro un particolare importante e fondamentale, che cioè, il problema non ha una sola faccia che è quella che finisce sui giornali e nei telegiornali, sulla quale si continua a discutere e dibattere, costituita dai rifiuti solidi urbani che sono ammassati per le strade della Campania. Il problema è duplice. E ciò che è peggio è che la parte di cui si parla pochissimo è la reale causa di tanta emergenza per molti versi voluta e ricercata. Sto parlando della immane quantità di rifiuti tossici sversati in discariche abusive e legali. Disseminate un po’ ovunque. Problema di cui, fino a poche settimane fa sembrava esserne cosciente solamente la popolazione locale, in parte perché a conoscenza dei fatti, ed in larga parte perché allarmata dalle inevitabili conseguenze di malattie mortali che continuano a verificarsi con sempre maggiore intensità proprio nei luoghi in cui più dure sono state le proteste.

Questo è il reale dramma, questa è la vera emergenza a cui lo Stato (e nessun altro) deve porre rimedio. E’ da questo punto di vista che il potere politico e quello giudiziario devono fornire concrete risposte a quella parte di popolazione che nonostante tutto, ha continuato ad amare la propria terra, che si è prodigata nel disperato tentativo di costruire un futuro per se e (altro…)

Read Full Post »


FONTE: MSN.Money

b34059cbe395c2b289ae62fe32697e.jpg

Chi è che guadagna di più? Cosa serve per arrivare così in alto? Dalla classifica dei lavori più pagati naturalmente bisogna togliere i grandi ereditieri, perché se sei il proprietario di Coca Cola o di Fiat il tuo problema non è più lo stipendio (te lo assegni da te), ma le tasse (e lo yacht): comunque hai dei problemi che tutti ti invidiano. Dalla classifica vanno anche tolti i campioni ossia sono i migliori nel lavoro che fanno. Se è vero che Al Pacino guadagna una barca di soldi, in media un attore fa la fame, così come un giocatore di calcio. Togliamo quindi anche cantanti e musicisti famosi e scopriremo che nel mondo chi guadagna di più è il consigliere di una società ed è seguito da un medico (specialmente se chirurgo) e da un broker, ossia da uno che media fra chi vende e chi compra azioni, materie prime o qualunque altra cosa. Le fonti sono due: una britannica (il Government’s Office for National Statistics) e l’altra americana (Forbes). L’Istat inglese rende noti anche i valori assoluti degli stipendi, mentre Forbes, poiché considera i vari tipi di medici, ne mette 8 fra i primi dieci posti. Ovviamente si tratta di stime medie sullo stipendio della categoria per cui se siete un medico e guadagnate di meno dovete considerare che quel calcolo conta anche chi guadagna molto più di voi. Sperando che non ci sia una catena di omicidi tra i primari proseguiamo.

1.               Consigliere d’amministrazione Ecco se siete un membro del consiglio d’amministrazione di una società siete praticamente arrivati, siete al top, sopra di voi c’è solo il presidente e … continua a leggere

 

Gioco Digitale è una piattaforma di gioco rivolta agli italiani. Un ambiente di gioco per tutti, non solo per i professionisti del gioco e gli scommettitori incalliti!

Clicca sull’immagine e registrati,

Subito per te dopo il primo versamento fino a: 33€ di Bonus

Read Full Post »


Savignano Irpino, un paesino che conta poco più di 1.300 abitanti dove è stata individuata una delle nuove discariche previste dal Super super commissario. Ecco il servizio di Studio Aperto relativo agli scontri dei giorni scorsi.

mms://video.jumpy.it/adstudioaperto/2008/02/180208_1s.wmv?v=adstudioaperto/2008/02/180208_1s.wmv

Il nuovo super commissario sembra non aver imparato nulla dalle lezioni ricevute da una popolazione costretta a lottare per vedere garantiti i propri diritti fondamentali.

Le pulizie vanno fatte, ma non tra la popolazione che lotta giustamente per la propria terra. Va eliminata quella zavorra che siede tra i banchi del potere, che tende a mascherare il marciume che ha prodotto. In questo il nuovo commissario ha un grosso vantaggio, quello di essere stato un dirigente della polizia di Stato. C’è solo da sperare che usi tale vantaggio per il popolo (che dovrebbe essere lo stato) e non contro di esso.

Read Full Post »


FONTE: Info Build
La marcatura CE dei prodotti da costruzione segna il passo tra produttori e utilizzatori poco attenti alle nuove norme e controlli e sanzioni inesistenti.
Ancora una volta il termine per la piena entrata in vigore della marcatura CE per una tipologia di prodotti da costruzione è risultata una data come un’altra sul calendario, anziché un momento di svolta sostanziale per il mercato. Dal 1° febbraio scorso infatti questo obbligo normativo interessa anche gli aggregati per costruzioni, ma delle circa 1800 imprese operanti nel settore (dati ISTAT 1996), che secondo recenti stime hanno un giro d’affari complessivo di circa 4 miliardi di euro, solo il 30% ha ottenuto la marcatura CE dei propri prodotti con il sistema 2+, cioè garantita da un organismo notificato di terza parte indipendente, che ne certifica tutte le fasi di produzione. Ciò significa che, in teoria, a partire da questo mese …Continua

Read Full Post »


Leggendo l’articolo che segue (fondo pagina), mi è sorta una domanda: “Le Università Italiane, servono realmente a formare dei veri e propri professionisti nelle varie materie di studio, o sono dei semplici centri di parcheggio per giovani studenti, utili solo a ritardare l’inserimento, all’interno delle statistiche, di nuovi disoccupati?”. Infatti, la realtà ci dimostra quotidianamente che determinati problemi (anche quelli di spessore internazionale come il caso dei rifiuti Campani) non vengono affrontati secondo precisi interventi dettati da progetti realizzati da professionisti del settore che hanno prima studiato la questione, ma sono frutto dell’esatto opposto. Cioè il politico di turno (il cui unico obbiettivo è quello di crearsi consensi attirando incentivi statali e privati da distribuire sul territorio), si accaparra una parte del problema, offrendo il proprio territorio come strumento per la soluzione all’emergenza in corso. Solo in questa seconda fase, rientra il compito degli “esperti”, i quali sono chiamati, non tanto a studiare, approfondire e proporre le giuste soluzioni, quanto semplicemente a trovare le motivazioni più appropriate che giustifichino l’opportunità di realizzare tali interventi preconfezionati, in determinati posti a determinate condizioni.

Quasi come a dire o “questo” o “niente”.

Dove “QUESTO” dovrebbe rappresentare il progresso, le fantomatiche (altro…)

Read Full Post »

Older Posts »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: