Emergenza rifiuti: Ulteriori approfondimenti circa le alternative agli inceneritori


Siccome credo (e sono sicuri che quasi tutti condivideranno questa mia opinione), che prima di poter dedicare con serenità il proprio tempo a qualsiasi genere di attività, ci si debba assicurare che non vi siano cause che potrebbero negare il “tempo stesso” che ci è stato amorevolmente donato. Poichè, sono convinto che oggi il peggior nemico “dei nostri giorni sereni” siano le fiabe che ci continuano a raccontare circa gli inceneritori ho portato avanti le mie ricerche di materiale per approfondire un tema vitale: L’alternativa a questi ecomostri produttori dell’ormai famoso “Carcinoma Precario“, ossia il Cancro a progetto, ben pagato per essere impiantato e meglio ancora per essere rimosso (se si è fortunati).   

Partiamo dalla tanto screditata raccolta differenziata. Ormai la popolazione, soprattutto Campana ha subito un così devastante lavaggio del cervello da essere totalmente pessimista nella buona riuscita della raccolta porta a porta. Eppure guardate Greenpeace che risultati ha ottenuto in appena una settimana sperimentale.

differenziamoci

Ora poichè la matematica non è un’opinione, se il risultato è sempre stato scadente ed il video ci dimostra che ciò non può essere imputato alla popolazione, va da se che la causa principale di tale scarsità non può che essere imputata alla politica ed alle aziende che avrebbero dovuto meglio gestire il problema.

Passiamo al secondo aspetto. Per la parte indifferenziata, come la volta scorsa ho riproposto dei video riguardanti l’Ossidodistruzione, oggi ripropongo due interviste circa il sistema Thor in fase di sperimentazione.

Thor

Per chi volesse ulteriori dettagli, ecco la scheda tecnica firmata CNR in formato pdf   Thor pdf.