Discarica di Pianura: Quando la realtà supera di gran lunga la fantasia


Invito i lettori a seguire attentamente questa intervista degli anni ottanta riferita alla discarica di Contrada Pisani, Pianura per cercare insieme di capire se ciò che mostrano le immagini sia la realtà dei fatti o una perfetta messinscena.

contrada pisani

Molto interessanti le affermazioni di fine intervista che raccontano di controlli giornalieri (ovviamente diurni) di tutte le maggiori autorità del settore, commissariato di governo compreso.

Il “Munnezza Day”


Non posso non segnalare questa singolare iniziativa. Guardate il video. E’ simpaticissimo.

munnezza day

Emergenza rifiuti: approfondimenti sul tema


Per tutti coloro che seguono, con più o meno ansia la questione rifiuti allego al presente post un importante documento in PDF di 72 pagine realizzato da Green-peace (credo), relativo al trattamento dei rifiuti a freddo.

trattamento rifiuti a freddo

Inoltre vi invito a far girare questi utilissimi video di educazione alla raccolta differenziata.

buona lettura

Rifiuti: arriva Thor, il sistema di riciclaggio ‘indifferenziato’


FONTE: CNR 

thor

 Quanto sia oneroso e problematico il trattamento dei rifiuti, lo dimostra la “tragedia” della Campania alla quale media e istituzioni stanno prestando la loro allarmata attenzione in questi giorni. Ma i rifiuti solidi urbani, com’è noto, possono rappresentare anche una risorsa. In questa direzione va Thor, un sistema sviluppato dal Consiglio Nazionale delle Ricerche insieme alla Società ASSING SpA di Roma, che permette di recuperare e raffinare tutti i rifiuti e trasformarli in materiali da riutilizzare e in combustibile dall’elevato potere calorico, senza passare per i cassonetti separati della raccolta differenziata.

Un passo oltre la raccolta differenziata e il semplice incenerimento, con cui i rifiuti diventano una risorsa e che comporta un costo decisamente inferiore a quello di un inceneritore. Thor (Total house waste recycling – riciclaggio completo dei rifiuti domestici) è una tecnologia ideata e sviluppata interamente in Italia dalla ricerca congiunta pubblica e privata, che si basa su un processo di raffinazione meccanica (meccano-raffinazione) dei materiali di scarto, i quali vengono trattati in modo da separare tutte le Continua a leggere

Inceneritori


Dal sito di Green Peace 

clicca sull’immagine per far funzionare l’inceneritoreChe cosa sono
Gli inceneritori o termodistruttori sono impianti di smaltimento di rifiuti che bruciandoli ne riducono il peso ed il volume.

Che cosa producono
Circa 1/3 in peso dei rifiuti in entrata si ritrova a fine ciclo in forma di ceneri, ma come la fisica insegna “niente si crea né si distrugge, ma tutto si trasforma”, così la parte della materia che non si ritrova in uscita viene emessa nel corso del processo.

Che tipo di inquinanti producono
La formazione delle sostanze inquinanti, emesse in forma solida e gassosa da un inceneritore, dipende da diversi fattori quali: la tipologia del rifiuto trattato (composizione chimica), le condizioni di combustione e quelle … continua direttamente dal sito di Green peace

Rifiuti, ci vuole più coraggio da parte degli intellettuali


Riceviamo e pubblichiamo l’intervento del prof. De Vivo geochimico di fama internazionale (uno dei pochissimi professori universitari napoletani che non si è mai piegato agli ordini della politica e che ha sempre difeso il principio dell’autonomia della ricerca dalla politica), che è un atto di accusa nei confronti della gravissima corruzione del mondo accademico napoletano, senza la quale questa vergognosa  situazione di emergenza in cui versa la Campania non sarebbe mai stata possibile. Tale intervento, per ovvie ragioni rifiutato da tutti i quotidiani napoletani, è stato pubblicato qualche giorno fa sul Manifesto in seconda pagina.

Rifiuti, ci vuole più coraggio da parte degli intellettuali

Benedetto De Vivo 

(ordinario di geochimica ambientale università di Napoli Federico II e adjunct professor Virginia polytechnic institute & State university Blacksburg)

La situazione drammatica in cui versano le province di Napoli e Caserta trova finalmente riscontro a livello nazionale. La stampa chiama finalmente alle proprie responsabilità gli amministratori del territorio invitandoli a dimettersi, e invita giustamente Prodi a intervenire perché la questione rifiuti a questo punto, non è solo un problema della Campania, ma un problema su cui si gioca, immagine e credibilità, l’intero paese Italia a livello mondiale.

Ciò detto non vanno disgiunti dalla responsabilità del presidente Bassolino, coloro che sono stati suoi strettissimi collaboratori a livello politico regionale fino a ieri, e che ora, abbandonata la nave che affonda, si presentano addirittura come il «nuovo» che si affaccia all’orizzonte. Per esempio il ministro, prof. Gino Nicolais non ha rappresentato forse per il presidente Bassolino l’indiscusso anello di congiunzione fra la regione e il mondo intellettuale delle università napoletane? Perché il prof. Nicolais, quando era assessore alla Ricerca della regione Campania, non ha fatto nulla per favorire, ad esempio, la creazione di un Servizio geologico regionale, che sulla falsariga di quello della regione Emilia Romagna, diventasse uno strumento di programmazione del territorio e delle sue risorse, individuando nello specifico, a monte, i luoghi geologicamente idonei a ospitare siti per lo smaltimento dei rifiuti? In particolare la responsabilità in tutta la vicenda rifiuti del mondo universitario è enorme.
In tutta la vicenda non mi pare sia mai intervenuto con un proprio studio il Continua a leggere