Edilizia, verso aumento bonus per ristrutturazioni. UNC: bene


FONTE: HelpConsumatori.it

Aumentare gli incentivi sull’edilizia e confermare le detrazioni previste per gli interventi di efficienza energetica: sono i provvedimenti che dovrebbero entrare in un prossimo decreto legge per lo sviluppo da parte del Governo. Le misure piacciono all’Unione Nazionale Consumatori, che chiede di stabilizzare il meccanismo di incentivi per gli interventi di efficienza energetica.

“Accogliamo positivamente la proposta di innalzare gli incentivi sull’edilizia e di confermare quelli per gli interventi di efficienza energetica, perché si tratta di due settori che possono servire da volano alla ripresa del Paese – afferma il segretario generale UNC Massimiliano Dona con riferimento al “provvedimento di urgenza in materia di infrastrutture e trasporti” candidato ad entrare nel decreto legge per lo sviluppo che il Governo vorrebbe varare in settimana – Confermare le detrazioni previste nel caso di interventi di efficienza energetica (55%) e innalzare il bonus nel caso di ristrutturazioni edili (50%) costituisce un’opportunità per le imprese italiane e contribuisce ad aumentare l’occupazione. È inoltre positivo che lo strumento scelto dal Governo sia quello della detrazione, perché è un sistema molto semplice da utilizzare ed inoltre contribuisce a far emergere il sommerso”. Secondo le bozze in circolazione, riportate dalle agenzie di stampa, le detrazioni Irpef salirebbero dal 36% al 50% per la ristrutturazioni fino a un ammontare totale non superiore a 96 mila euro, con l’intento far riprendere il mercato delle costruzioni.

“Relativamente al bonus per gli interventi di efficienza energetica – prosegue Dona – si tratta sostanzialmente di una conferma di quanto previsto già l’anno scorso, ma non è possibile attendere ogni anno l’eventuale rinnovo dell’incentivo: per questo motivo abbiamo chiesto un incontro con il Ministero dello Sviluppo Economico, perché sarebbe necessario stabilizzare il meccanismo di incentivo anche per consentire, tanto alle imprese quanto ai consumatori, di programmare gli investimenti nel tempo”.

Architettura sostenibile, ne parliamo con due progettisti


FONTE: quotidianocasa.it

1Due architetti veneti si cimentano con l’architettura “diversa”. Quella che ancora oggi è considerata dai più qualcosa di misterioso semplicemente perché prende in considerazione parametri che dovrebbero essere comuni alla progettazione di qualsiasi edificio: orientamento, irraggiamento solare, bioclimatica, risparmio ed efficienza energetica.
Alla domanda se vogliono descriversi a beneficio dei lettori si schermiscono, nicchiano, prendono tempo, ridono fra il divertimento e l’imbarazzo.
Preferiscono che a parlare di loro sia giustamente il progetto, così come gli aspetti concreti del loro lavoro.
E il progetto in effetti parla degli architetti Michele Cassibba e Franco Dell’Anna che in questa opulenta campagna veneta (Zero Branco, provincia di Treviso), una volta retaggio di pellagra e fame seria, e oggi intriso di Ville (quelle venete del Settecento) e villette (quelle “geometriche”, cioè realizzate dai geometri mirando al sodo e soprattutto ai “schei” ma non lesinando fronzoli sennò la casa sembra da “poareti”) hanno voluto riprendere in chiave moderna certi concetti che furono già dell’architettura, quella vivibile e ben inserita nel territorio.
I fronzoli, appunto, tanto per cominciare …Continua e guarda il video-intervista

Klimahouse 2008


 FONTE: Edilportale.com

3a Fiera internazionale specializzata per l’efficienza energetica e l’edilizia sostenibile
BOLZANO, dal 17/01/2008 al 20/01/2008

esempio di casa passivaGli aumenti dei costi dell‘energia e la rischiosa dipendenza dall‘importazione delle fonti energetiche non rinnovabili, insieme ai continui mutamenti del clima, impongono una rapidissima riflessione ed un diverso approccio nella difesa dell’ambiente. Da qualche anno la Provincia Autonoma di Bolzano dà il proprio valido contributo impegnandosi a ridurre le emissioni di ossido di carbonio. E’ qui che ha luogo KLIMAHOUSE, Fiera Internazionale Specializzata per l‘efficienza energetica e l‘edilizia sostenibile, giunta alla sua terza edizione e considerata in tutta Italia una manifestazione leader a cui guardare con estremo interesse per conoscere le ultime soluzioni e tecnologie per il risparmio energetico.

La seconda edizione tenutasi nel gennaio 2007 ha superato ogni più rosea Continua a leggere

Restructura festeggia i vent’anni e diventa Extra


FONTE: Restructura.com

fieraRestructura Extra – Costruire fuori dai luoghi comuni, dal 29 novembre al 2 dicembre al Lingotto Fiere di Torino, ha già ampiamente superato i numeri dell’edizione 2006. L’attenzione si concentra sui temi dell’abitare sostenibile e la Regione Piemonte partecipa con il progetto Nena. Ma ci sono anche gli artigiani del CNA, maestri nel settore del recupero, restauro e decorazione. Contemporaneamente, sempre al Lingotto Fiere, si svolge anche Infrastructura, seconda Biennale Internazionale delle Infrastrutture.Restructura taglia il traguardo della ventesima edizione e diventa Restructura Extra – Costruire fuori dai luoghi comuni: un traguardo all’insegna del rinnovamento, nei contenuti e nella forma. Al centro della rassegna saranno, infatti, architettura sostenibile ed efficienza energetica, i temi più attuali nel mondo delle costruzioni. Ma Restructura non “dimentica” il passato Continua a leggere

Confermati per tre anni i bonus al recupero e al risparmio energetico


FONTE: Edilio.it 

casa del futuro

Nuove conferme per le ristrutturazioni edilizie e per il risparmio energetico in Finanziaria. Se per gli interventi di recupero delle abitazioni si tratta ormai di una procedura consolidata negli anni, per i lavori finalizzati al contenimento della spesa e del consumo energetico siamo alla prima riconferma dopo gli incentivi lanciati per la prima volta con la manovra economica dello scorso anno. Le novità previste nel Ddl per la Finanziaria 2008 riguardano i tempi e, in particolare, la proroga per il triennio 2008-2010 della detrazione Irpef del 36% per le ristrutturazioni edilizie, nonché lo sconto del 55% per le spese di riqualificazione energetica degli edifici.
La proroga è anche prevista, dal 2008 al 2010, per l’applicazione dell’Iva con l’aliquota del 10% agli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria, le opere di restauro e risanamento conservativo, di ristrutturazione edilizia e ristrutturazione urbanistica, realizzati su fabbricati a prevalente destinazione Continua a leggere