BASTA CON GLI SPRECHI, DA OGGI SI RISPARMIA


In un mondo sempre meno verde, e sempre più inquinato, temi come la tutela ambientale ed il risparmio energetico sono oggetto di dibattiti. Il consumo energetico nelle case degli italiani rappresenta una fetta importante del fabisogno nazionale, quasi il 30%, ed anche delle emissioni di Co2 rappresentato dal 25% delle emissioni totali nazionali.

Rendere le nostre abitazioni efficienti energeticamente vuol dire consumare meno energia a parità di comfort. Secondo recenti studi una famiglia media italiana potrebbe risparmiare, senza fare rinunce, ma semplicemente usando meglio l’energia, il 40% delle spese per il riscaldamento e il 10% di quelle per gli elettrodomestici. Le possibili perdite di energia in una abitazione sono causate Continua a leggere

Antropocene


«In poche generazioni l’umanità sta esaurendo i combustibili fossili che si sono generati nel corso di centinaia di milioni di anni.
Le emissioni di SO2, globalmente circa un milione di tonnellate all’anno dovute alla combustione del carbone e del petrolio, sono almeno il doppio di tutte le emissioni naturali …;
il 30-50% della superficie terrestre è stata trasformata dall’intervento umano;
in agricoltura viene ora applicata una quantità di azoto in fertilizzanti superiore a tutto l’ azoto fissato naturalmente in tutti gli ecosistemi terrestri;
le emissioni in atmosfera di ossido di azoto (NO) per combustione di combustibili fossili e biomasse è ugualmente maggiore delle emissioni naturali, dando origine alla formazione di smog fotochimico in molte regioni del mondo;
più di metà di tutta l’acqua dolce accessibile è utilizzata dall’umanità;
l’attività umana ha accelerato di un fattore diecimila il tasso di estinzione di specie viventi nelle foreste tropicali;
la concentrazione di diversi “gas serra” è sostanzialmente cresciuta Continua a leggere

Restructura festeggia i vent’anni e diventa Extra


FONTE: Restructura.com

fieraRestructura Extra – Costruire fuori dai luoghi comuni, dal 29 novembre al 2 dicembre al Lingotto Fiere di Torino, ha già ampiamente superato i numeri dell’edizione 2006. L’attenzione si concentra sui temi dell’abitare sostenibile e la Regione Piemonte partecipa con il progetto Nena. Ma ci sono anche gli artigiani del CNA, maestri nel settore del recupero, restauro e decorazione. Contemporaneamente, sempre al Lingotto Fiere, si svolge anche Infrastructura, seconda Biennale Internazionale delle Infrastrutture.Restructura taglia il traguardo della ventesima edizione e diventa Restructura Extra – Costruire fuori dai luoghi comuni: un traguardo all’insegna del rinnovamento, nei contenuti e nella forma. Al centro della rassegna saranno, infatti, architettura sostenibile ed efficienza energetica, i temi più attuali nel mondo delle costruzioni. Ma Restructura non “dimentica” il passato Continua a leggere

Convegno Ossi Sistema Batterflai la casa ecocompatibile


 Intervista sul sistema Batterflai dal innovativo tetto a farfalla, La casa ecologica comincia a uscire dalla vaghezza delle buone intenzioni. Una casa fatta con materiali naturali, secondo le regole della bioedilizia, che non danneggiano chi ci abita, che non sono pericolosi per chi li produce, per chi li mette in opera e per chi li deve smontare e abbandonare. Fondamentale è anche l’eliminazione o la riduzione ai minimi termini delle fonti di inquinamento interno, che modificano la qualità dell’aria, producono campi elettromagnetici artificiali o generano emissioni dannose. Batterflai si pone all’avanguardia nel superamento dagli eccessi della tecnologia, per la capacità di mostrare che un’architettura amica della natura è amica dell’uomo.

Case passive, cosa ne sappiamo in Italia?


FONTE: Quotidianocasa.it 

esempio di casa passivaDa noi se ne comincia a parlare timidamente adesso ma in altri Paesi come Germania, Austria, Repubblica Ceca ecc., la casa passiva è una realtà cui si guarda con molto interesse. Un’abitazione per pochi eletti?

Un’abitazione per pochi eletti? No, piuttosto una necessità imposta dalla scarsità delle fonti energetiche e dalla concomitante richiesta di comfort abitativo sempre in crescita.

La casa passiva è infatti l’involucro abitativo di cui non potremo più fare a meno nel prossimo futuro.

Se è vero, com’è vero, che il risparmio e l’efficienza energetica non è più una scelta per individui acculturati e sensibili al futuro del pianeta, ne consegue che nuove leggi dovranno imporre una tipologia progettuale che metta al centro l’uso avveduto e oculato dell’energia, via gli sprechi per il riscaldamento invernale e i condizionatori per raffrescare la casa d’estate.

Che poi da tutto questo discenda il modo migliore e il più consono al naturale benessere dell’uomo è soltanto una conseguenza pressoché ineludibile.

Nel video che presentiamo l’ingegner Michele de Beni traccia i contorni della “passività abitativa” in Italia, un modo di percepire la casa già molto diffuso all’estero.

La conferenza si è tenuta assieme alle altre in programma al primo Convegno nazionale case passive 2007 (Fiera di Rovigo, 5-6 ottobre 2007) organizzato da TBZ (Centro di Fisica Edile, Bolzano) in collaborazione con Passiv Haus Institut.