Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘sicurezza lavoratori’ Category


A tutti gli amici di Arch.In.Geo;

a tutti coloro che navigano con piacere tra le pagine del nostro Blog trovandolo molto interessante;

a chi passa solo per caso o per semplice curiosità;

buonefeste

A TUTTI GIUNGANO I NOSTRI PIU’ CALOROSI AUGURI DI UN SERENO NATALE E UN FELICE ANNO NUOVO

Read Full Post »


facebook

Da oggi siamo anche su Facebook con la pagina “Amici di Arch.In.Geo”.

 

Read Full Post »


FONTE: Edilportale

Via alla selezione di soggetti promotori di tirocini formativi, domande entro il 27 giugno

08/06/2011 – Contrastare il lavoro sommerso in edilizia nelle regioni del Mezzogiorno e rendere più qualificati i lavoratori. È l’obiettivo del progetto RE.LA.R – Rete dei servizi per la prevenzione del lavoro sommerso, messo a punto dal Ministero del Lavoro e attuato dalla società Italia Lavoro.

Nei settori sensibili, tra cui quello edile, saranno attivati 3 mila tirocini destinati a disoccupati e inoccupati provenienti al 60% da Paesi extracomunitari e al 40% dall’Italia o dall’Unione Europea.

Entro il 27 giugno gli interessati a diventare enti promotori dei tirocini formativi potranno presentare domanda inviando un messaggio di posta elettronica (altro…)

Read Full Post »


E il 14 maggio iniziativa unitaria con imprenditori settore

FONTE: Adnkronos - Pubblicata giovedì 28 aprile 2011

Roma, 28 apr. (Labitalia) – Oltre 200.000 posti di lavoro persi, assenza di interventi efficaci dal governo, illegalità e infiltrazioni criminali, sicurezza sul lavoro sempre più carente. E’ contro la crisi sempre più grave del settore dell’edilizia e delle costruzioni che la Fillea Cgil il 6 maggio ‘raddoppia’ lo sciopero generale di quattro ore proclamato dalla confederazione nazionale del sindacato.
“Nell’edilizia abbiamo programmato da subito -spiega Walter Schiavella, segretario generale della Fillea Cgil, ai microfoni di Radio Fillea- l’estensione a otto ore dello sciopero generale per tutto il comparto edile. La nostra presenza sarà forte e visibile nelle piazze, e sopratutto nei luoghi di lavoro per la riuscita di questo sciopero che è fondamentale per il sindacato e per il futuro del Paese”. Per Schiavella, quella che dal 2008 ha colpito il settore è “la più grande crisi dell’edilizia dal dopoguerra ad oggi, come dicono i numeri”. “L’intera filiera delle costruzioni -dice- ha ridotto il proprio apporto all’economia nazionale del 20%, nella crisi precedente. Solo tra gli iscritti alle casse edili dal 2008 al 2010 abbiamo bruciato 140mila posti di lavoro, e la nostra stima è più ampia rispetto a questa perché comprende anche porzioni della filiera che non sono ascrivibili a queste tipologia, e supera abbondantemente le 200.000 unità”. Dati che il sindacato aveva portato, lo scorso 1° dicembre, in piazza a Roma con gli ‘Stati generali delle costruzioni’, protestando davanti al Parlamento e chiedendo interventi al governo, per la prima volta con ‘compagni’ inediti: le associazioni imprenditoriali. Da allora dall’esecutivo non è arrivato “assolutamente nulla”, nessun provvedimento: “Si fanno solo annunci -sottolinea Schiavella- ma cantieri non se ne aprono”. E così sindacati e imprenditori sono pronti alla replica della manifestazione unitaria dello scorso 1° dicembre. “Il prossimo 14 maggio -annuncia Schiavella- riproporremo un’iniziativa congiunta con tutte le organizzazioni di imprese, in cui non solo incalzeremo il governo su ciò che non ha fatto, ma proveremo ad allargare la politica delle alleanze a tutta quella parte della società civile che sul nuovo modello di sviluppo fondato su legalità e sostenibilità prova a costruire il suo futuro”. Quindi, edili in piazza il 6 e il 14 maggio per un futuro del Paese che oggi è segnato, spiega Schiavella, “dall’incertezza sul mantenimento del lavoro, con l’assenza di qualsiasi politica efficace di sostegno”. “Il risultato finale -conclude- è di un attacco non solo all’occupazione, ma anche ai diritti e alla legalità e alla sicurezza sul lavoro, che è il motivo in più che nell’edilizia abbiamo per scendere in piazza e scioperare”.

Read Full Post »


A tutti gli amici di Arch.In.Geo;

a tutti coloro che navigano con piacere tra le pagine del nostro Blog trovandolo molto interessante;

a chi passa solo per caso o per semplice curiosità;

A TUTTI GIUNGANO I NOSTRI PIU’ CALOROSI AUGURI DI UN SERENO NATALE E UN FELICE ANNO NUOVO

Read Full Post »


Cari amici di Arch.in.geo,

come oramai consuetudine, anche quest’anno il primo di Ottobre, si riparte con una nuova stagione che, sebbene caratterizzata da una crisi veramente profonda e dannatamente devastante, ci auguriamo possa portarci a raggiungere obbiettivi sempre più ambiziosi ed i traguardi che per il momento vivono solo nei nostri sogni.

Riapriamo con un appello rivolto a tutte le società, le aziende ed i liberi professionisti che volessero pubblicizzare le proprie attività e/o i propri prodotti/servizi sulle nostre pagine, contribuendo a sostenere il tempo e gli studi di cui abbiamo bisogno per proporre articoli ed informazioni sempre aggiornate, precise ed al passo con i tempi.

In caso di interesse, vi invito a scrivere direttamente a:

archingeo@hotmail.it

oppure

villanofrancesco@gmail.com

nel ringraziare tutti anticipatamente, vi invito a visitare con assiduità le nostre pagine.

A tutti Buon Lavoro

Read Full Post »


Visto che tutto è rimasto com’era (tranne alcuni sporadici peggioramenti), ripropongo integralmente il messaggio di auguri di 2 anni fa. Voglio solo aggiungere un pensiero particolare per i 17.005 votanti del Comune di Ota di Atella che per volere dei poteri forti, dovranno accettare di essere amministrati da una compagine politica apprezzata solo da 5.818 di essi (praticamente il 34%). Ad essi oltre gli auguri e gli incoraggiamenti do appuntamento a dopo le festività Pasquali per un’analisi puntuale dei risultati elettorali. 

Poichè la Pasqua nel linguaggio Biblico rappresenta il passaggio dalla morte alla Vita, auguriamo a tutti i nostri lettori (sia quelli abituali che quelli occasionali, sia tutti colombacoloro capitati per caso tra queste pagine) che questa Pasqua sia per tutti il vero passaggio da una vita fatta di:

finte occasioni, aperte a tutti ma create per pochi;

false speranze, di un miglioramento sempre più vicino su carta ma sempre più lontano dalla cruda realtà;

assenza di prospettive per il futuro, che diviene sempre più difficile da immaginare;

corruzione, che nel suo travolgente dilagare ha oramai investito quasi tutto e tutti;

e soprattutto, da una vita vissuta come “poveri fessi”, modellata da decisioni che altri hanno preso per noi, ad una nuova vita fatta di:

occasioni vere per cui impegnarsi e sacrificarsi;

vere speranze di miglioramento che aprano le porte a nuove prospettive di un futuro realmente migliore di quello che si possa immaginare.

Ma soprattutto ad una vita vissuta da “padroni di noi stessi”, anche se “poveri” ma almeno consapevoli e fieri di un futuro, frutto delle nostre personali e libere decisioni.

N.B. Sono, ovviamente esclusi dai nostri auguri, i soliti amici degli amici ed affini.

Read Full Post »

Older Posts »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: