Prevenzione incendi e tutela ambientale, meno oneri per le imprese

FONTE: Governo Informa

Presentazione

Un risparmio per le imprese di circa 1,5 miliardi di euro all’anno e l’affermazione concreta del principio di proporzionalità, che garantisce adempimenti amministrativi differenziati a seconda della dimensione  dell’impresa e dell’effettiva esigenza di tutela degli interessi pubblici, la cui protezione risulta anche rafforzata.

Questi gli obiettivi dei nuovi interventi di semplificazione approvati dal Consiglio dei Ministri del 3 marzo 2011: due schemi di regolamento che intervengono nei settori della prevenzione incendi e delle autorizzazioni ambientali.

“E’ una grande novità, di grande impatto, che porta tutto il sistema delle PMI a vedere semplificati i propri adempimenti burocratici – normativi riguardo le acque reflue e la prevenzione antincendi” ha detto il ministro Brunetta nella conferenza stampa successiva alla riunione del Consiglio dei Ministri, ricordando che la misura riguarda circa 2 milioni di imprese, soprattutto piccole e medie.

Proprio perché gli oneri burocratici sono ridotti, ha continuato,maggiore attenzione sarà posta ai valori tutelati, cioè l’incolumità pubblica attraverso la prevenzione degli incendi e la tutela ambientale. E’ l’applicazione dello Small Business Act europeo, che per la prima volta viene applicato in questa forma a due tematiche importantissime. Garantita maggiore efficacia, quindi, perché il principio di proporzionalità rende più efficace l’azione degli uffici pubblici, che possono concentrare il lavoro di verifica e controllo sui casi necessari.

I due regolamenti intervengono su vari procedimenti amministrativi, che costano alle PMI italiane circa 3,2 miliardi di euro all’anno:

  • richiesta del parere di conformità sul progetto;
  • certificato di prevenzione incendi;
  • rinnovo del certificato di prevenzione incendi;
  • registro dei controlli;
  • autorizzazione allo scarico di acque reflue industriali;
  • documentazione di impatto acustico.

Entrambi si basano sui seguenti criteri:

  • riduzione o eliminazione delle procedure inutili o sproporzionate, in relazione all’attività esercitata dall’impresa o alle esigenze di tutela degli interessi pubblici coinvolti;
  • informatizzazione;
  • estensione dell’autocertificazione e delle attestazioni dei tecnici abilitati e delle Agenzie per le imprese.

Per tutte le procedure è prevista la presentazione on line delle domande allo Sportello unico.

I regolamenti, emanati in base al decreto- legge n.78 del 2010, in un’ottica di rilancio del sistema produttivo, sono stati predisposti dai ministri Prestigiacomo e Maroni, su proposta dei ministri per la pubblica amministrazione e l’innovazione, Brunetta, per la semplificazione normativa, Calderoli, e dello sviluppo economico, Romani. “Saranno operativi entro l’estate” ha detto il ministro Brunetta nel corso della conferenza stampa, dopo aver continuato il previsto iter con l’acquisizione dei pareri della Conferenza Unificata e del Consiglio di Stato.

I prossimi interventi di semplificazione riguarderanno la privacy, la sicurezza sul lavoro e gli appalti.

Fonte: Dipartimento per la pubblica amministrazione e l’innovazione

Redazione internet – Maddalena Baldi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.