Mondo dell’edilizia pronto alla mobilitazione

Mercoledì in piazza Montecitorio per proporre al Governo un nuovo modello di sviluppo

FONTE: EDILPORTALE

29/11/2010 – Il mondo dell’edilizia si prepara alla mobilitazione. È fissata per dopodomani, mercoledì primo dicembre, l’appuntamento tra lavoratori e imprese del settore costruzioni, che scenderanno in piazza a Roma per proporre al Governo un modello di sviluppo nuovo, basato sulla qualità e la legalità dell’impresa e del lavoro.

Dopo un anno e mezzo dagli stati generali delle costruzioni, che avevano evidenziato la situazione di malessere del comparto edile, le associazioni del settore non hanno rilevato significativi miglioramenti.

Sono più di 250.000 posti di lavoro persi, col 300% in più di utilizzo ammortizzatori sociali, una riduzione del 20% delle produzioni nei settori dei materiali da costruzione e una perdita del valore complessivo delle produzioni di 70 mld. A questo si aggiungono i ritardati pagamenti della pa, con punte fino a 24 mesi.

Imprese e lavoratori proporranno nuovamente di :

– sbloccare i pagamenti per le imprese che hanno SAL approvati e oggi vincolati dal Patto di stabilità, anche per consentire alle stesse il pagamento delle forniture e dei servizi utilizzati. Più in generale allentare i vincoli dello stesso patto per gli enti virtuosi al fine di finanziare prioritariamente interventi legati alla tutela e messa in sicurezza del territorio, del patrimonio edilizio e dei beni culturali ed artistici;

– Rendere effettivamente disponibili, in termini di attribuzioni di cassa, le risorse destinate dal CIPE alle priorità infrastrutturali, a partire da quelle attribuite al programma di piccole e medie opere e all’edilizia scolastica;

– Puntare su processi di semplificazione amministrativa rafforzando i controlli di sicurezza e regolarità;

– Eliminare le penalizzanti distorsioni fiscali esistenti nel settore immobiliare (ad esempio l’Iva sull’invenduto dopo 4 anni) nell’ambito di una riforma del fisco orientata allo sviluppo e più equa per lavoratori, imprese e cittadini;

– Rilanciare gli strumenti di investimento nelle infrastrutture e nell’immobiliare;

– Attivare strumenti di lotta all’illegalità e promuovere la qualificazione con procedure esigibili e chiare in stretta collaborazione con le imprese e i lavoratori, senza penalizzare la quotidiana operatività delle imprese corrette;

– Estendere all’edilizia gli ammortizzatori sociali definiti per il settore industria.

La Manifestazione, alla quale parteciperanno associazioni imprenditoriali e Organizzazioni Sindacali del settore edile, si svolgerà in Piazza Montecitorio a partire dalle ore 10,30.

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.