Gadget ecologici da un milione di dollari

di Giuseppe Caravita

FONTE: Il Sole 24Ore

ganeratoreNormalmente, le liquidiamo con un termine un po’ riduttivo: gadgets. Ma le piccole innovazioni, in particolare nell’energia e nell’efficienza degli oggetti che usiamo ogni giorno, stanno conoscendo una nuova primavera, se non un boom.
Gli esempi sono innumerevoli e getto continuo, specie su internet. Siti come Worldchanging e Popular Mechanics (e in Italia è il caso di Ecoblog) ne hanno fatto da anni la loro bandiera. Si va dai telefonini che si ricaricano a manovella, ai micro-generatori eolici da bicicletta che recuperano, con una ventolina, il flusso d’aria generato dallo spostamento della bici. Ma anche oltre. Pochi giorni fa Popular Mechanics ha premiato un geniale studente Usa, Shawn Frayne, che ha creato una macchina eolica, ma totalmente innovativa. Sfrutta il semplice principio di una corda tesa (come di chitarra o di violino) che vibra al passaggio di una corrente d’aria. Frayne non ha fatto altro che progettare un magnete montato su una membrana plastica (fatta di un nastro da tappezziere) che vibra tra due bobine, che trasformano il campo del magnete in corrente elettrica. Windbelt, la sua invenzione da garage (o da dormitorio studentesco) ha battuto, per il primo premio Breaktrough della rivista Usa, anche soluzioni molto più sofisticate, come stampanti tridimensionali e schermi da pc a tocco multiplo. In effetti un generatore eolico tanto semplice, una volta industrializzato e ottimizzato, potrebbe assicurare generazione elettrica distribuita anche in paesi poveri e in via di sviluppo. Non molto diversamente da quel contadino cinese che si è costruito, con bottiglie di birra di riciclo e un vecchio boiler in disuso, un tetto solare in grado di fornire acqua calda alla sua abitazione.
Questo revival della piccola innovazione, o dell’ingegneria creativa, va quindi tenuto d’occhio. E con attenzione. Specie in un paese industriale, qual è il nostro, che vive di piccole e medie aziende. Oggi fortemente interessate a soluzioni di maggiore efficienza energetica nei propri prodotti (e lo testimoniano le 1500 idee spontaneamente suscitate dal programma “Industria 2015” avviato dal Ministero dello Sviluppo economico).
Il potere delle piccole innovazioni, e anche dei gadget, servirà se non altro ad aiutarci in una presa di coscienza. Con in tasca un telefonino a manovella, o a cavallo di una bici eolica, ci ricorderemo meglio ogni giorno che una vita un po’ diversa, e ambientalmente più cosciente, va intrapresa fin da oggi.

Il video della macchina eolica

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.