Napoli: Da Bruxelles 200 mln per il Centro storico

FONTE: Il Denaro.it

Piazza del Gesù nuovoOltre duecento milioni di euro, fondi europei, per la riqualificazione del centro storico di Napoli: per rimettere a nuovo monumenti, edifici, realizzare residenze universitarie. Soprattutto per fare in modo che il centro storico, patrimonio dell’Unesco, sia in tutto e per tutto valorizzato. E’ questo l’obiettivo di un protocollo d’intesa firmato ieri dalla Regione Campania, dal Comune di Napoli e dalla Curia Arcivescovile di Napoli e dal ministero dei beni Culturali (direzione regionale): un patto che da qui a un anno sarà seguito da un accordo di programma e dall’avvio dei lavori.

di Eleonora Tedesco

 Da Bruxelles arrivano i fondi, oltre 200 milioni di euro, per rimettere a nuovo monumenti, edifici, realizzare residenze universitarie del centro storico di Napoli.Questo importante protocollo è la prima attuazione del programma operativo Fers ed è parte parte integrante di un programma più complessivo rivolto al risanamento delle nostre città – spiega Bassolino – Riguarda, in modo particolare, tutte le 19 città superiori ai 50 mila abitanti cui abbiamo attribuito una specifica delega per la rigenerazione urbana”.
Duecento milioni di euro ai quali si aggiungeranno risorse rivolte alla formazione, ai servizi, agli aiuti alle imprese e alle residenze universitarie. Fondi per l’uso dei quali il Comune di Napoli, che finanzierà il progetto con una quota non inferiore al 10 per cento dello stanziamento totale, riceverà dalla Regione un’apposita delega.
“Un atto, questo, che ci dà responsabilità, che è un incentivo – ha commentato il sindaco Rosa Russo Iervolino – e che rispecchia in tutto e per tutto la Costituzione per la quale la Regione è uno strumento di programmazione e il Comune un’unità operativa”. Ad avere un ruolo attivo sarà anche la Curia. Il protocollo ha stabilito che anche gli enti ecclesiastici potranno essere beneficiari e il finanziamento sarà cofinanziato con i fondi dell’8 per 1000 che ciascuna diocesi ha a disposizione per intervenire sul proprio patrimonio.
Milioni di euro, quelli per il centro storico di Napoli, che, come sottolineato sia da Bassolino che dal primo cittadino del capoluogo campano, sono “di gran lunga maggiori a quelli che sarebbero arrivati con le risorse destinate alle zone franche urbane: ‘una cifra venti volte superiore’. E poi, il tutto vedrà il sostegno dell’Unesco. “Questo per rispondere a chi dice che rischiavamo di essere cancellati dalla lista dei siti Unesco – commenta il sindaco – e anche per rispondere a chi, come consiglieri che non vengono mai in consiglio, che il comune è paralizzato”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.