UE E GIAPPONE CONCORDANO SU PRIORITÀ COMUNI PER PROMUOVERE RICERCA E INNOVAZIONE


FONTE: Marketpress.info  

unione europeaBruxelles, 13 giugno 2007 – L´ue e il Giappone hanno adottato un documento su «Promuovere ricerca e innovazione per la prosperità» nel corso di un vertice congiunto svoltosi il 5 giugno. Il testo evidenzia quattro aree in cui si possono rafforzare le relazioni: cooperazione in materia di ricerca, protezione dei diritti di proprietà intellettuale (Dpi), sostegno alla collaborazione fra i settori pubblico e privato e sviluppo di un ambiente favorevole all´innovazione. «Promuovendo ricerca e innovazione e una loro collaborazione in questi campi, l´Ue e il Giappone potrebbero guidare l´economia mondiale tramite una competitività tecnologica e portare prosperità ai loro cittadini e non solo», si legge nel documento. Il testo sottolinea che finora la partecipazione di ricercatori giapponesi a programmi di ricerca europei è stata relativamente bassa; lo stesso dicasi di ricercatori europei coinvolti in programmi giapponesi. I dati non riflettono l´enorme potenziale in materia di ricerca e Continua a leggere

GB/ EDILIZIA SOSTENIBILE, IL PROTOTIPO DELLA CASA DEL FUTURO


Nuova costruzione riduce del 100% emissioni CO2

FONTE: Apcom 

casa del futuroSi chiama Codice per l’edilizia sostenibile e rappresenta il nuovo standard in Inghilterra per la costruzione di case “intelligenti”; un innovativo sistema di valutazione dell’efficienza energetica delle nuove costruzioni lanciato in aprile e espresso in una scala da uno a sei.

Come riportato dal Telegraph, proprio in questi giorni uno dei primi prototipi di quella che sarà la casa del futuro, è in mostra all’esposizione del Building Research Establishment’s Offsite a Watford.

Il prototipo “Sigma House”, progettato da un team di architetti della PRP e realizzato dallo Stewart Milne Group, è infatti il primo ad avvicinarsi al traguardo del certificato “Carbon Free”, riuscendo quasi ad azzerare le emissioni di Co2 prodotte.

La costruzione dispone infatti di una serie di caratteristiche che lo rendono un modello di casa a basso consumo energetico: panelli solari e fotovoltaici per generare il 100% di energia rinnovabile, un sistema di riciclo delle acque grigie ricavato dalla doccia e dalla vasca da bagno, rubinetti a basso consumo, un sensore di calore che attiva e disattiva delle ventole, una struttura flessibile e molto altro ancora per garantire una riduzione di emissioni del 100 % rispetto ad una casa tradizionale.